Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se prosegui nella navigazione sul sito acconsenti all'uso dei cookie.

Infezioni delle basse vie respiratorie

Le infezioni delle basse vie respiratorie rientrano tra le patologie più frequentemente riscontrate nella pratica clinica e spesso compaiono in soggetti con patologie respiratorie croniche sottostanti, quali in particolare l’asma e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

La polmonite viene diagnosticata soprattutto nei bambini piccoli e nei soggetti anziani. 

Nell’eziologia delle infezioni delle basse vie respiratorie predominano i virus respiratori, lo Streptococcus pneumoniae e l’Haemophilus influenzae, seguite da Mycoplasma pneumoniae, la Clamidia trachomatis, la Legionella, lo Staphylococcus aureus, la Klebsiella pneumoniae, lo Pseudomonas aeruginosa e l’Escherichia coli. Le bronchiti e le CAP presentano differenze per quanto riguarda l’eziologia rispetto alle forme contratte in ospedale (nosocomiali); infatti, le forme infettive respiratorie nosocomiali sono, rispetto a quelle “comunitarie”, più frequentemente dovute a Gram-negativi, ad anaerobi e allo Staphylococcus aureus, mentre sono più rare le forme virali.

Le infezioni delle basse vie respiratorie possono mostrare vari tipi di sintomi, tra cui tosse (spesso produttiva) e dispnea, ossia la sensazione soggettiva di mancanza di respiro che risulta eccessiva sia per l’entità sia per il tipo di attività fisica cui fa seguito. La febbre è un sintomo comunemente associato alle infezioni delle basse vie respiratorie, anche se in molti casi può essere lieve o assente. Per la gestione e il trattamento dei pazienti con bronchite acuta, si ricorre generalmente ad un trattamento sintomatico (antinfiammatori, sedativi della tosse) e alla somministrazione di antibiotici in caso di grave infezione con febbre e/o se l’affezione non si risolve in 5-6 giorni.
La terapia delle polmoniti infettive varia in funzione dell’agente eziologico e delle condizioni cliniche del paziente. Per ciò che riguarda le polmoniti infettive batteriche, idealmente la terapia antibiotica dovrebbe essere impostata sull’isolamento dell’agente microbico con definizione dello specifico profilo di antibiotico-resistenza; spesso però la terapia antibiotica deve essere necessariamente impostata su base “empirica”, ossia in funzione dell’ipotesi eziologica formulata sulla base di valutazioni clinico-epidemiologiche e di eventuali fattori di rischio individuali del paziente.

I nostri prodotti

Lusofarmaco può vantare un ampio know how in varie aree terapeutiche: dalle patologie cardiovascolari alle malattie respiratorie, dall’antibioticoterapia alla neuropsichiatria e per finire l'area ginecologica.

Ricerca e sviluppo

Per molti anni, la connotazione di Lusofarmaco è stata quella di una azienda di rilievo essenzialmente nazionale, con un listino incentrato su farmaci di consolidata esperienza.

Farmacovigilanza

È la scienza relativa all’individuazione, la valutazione, la comprensione e la prevenzione degli effetti avversi o di ogni altro problema legato ai farmaci.

Sede Legale:
Milanofiori – Strada 6, Edificio L – 20089 Rozzano (MI)
Tel. 02-516555.1 - Fax 02-516555.249

Numero di iscrizione registro imprese: 00714810157
Ufficio del registro delle imprese: Milano
Capitale: € 130.000 I.V.
Capitale risultante dall'ultimo bilancio: € 130.000
Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento di A. Menarini Industrie Farmaceutiche Riunite Srl

MAPPA DEL SITO

Copyright 2019 Istituto Lusofarmaco D'Italia S.p.A.