Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se prosegui nella navigazione sul sito acconsenti all'uso dei cookie.

Ipotensione

Per quanto bassi valori di pressione arteriosa possano rappresentare in generale un fattore protettivo nei confronti del rischio di sviluppare eventi cardiovascolari, in taluni casi essi possono determinare la comparsa di una importante sintomatologia.

Le condizioni in grado di determinare la transitoria o persistente riduzione dei valori pressori al di sotto valori ritenuti normali sono molto numerose andando da patologie di ordine chirurgico o medico sino a ad arrivare a cause ambientali o farmacologiche.

In base alle cause sottostanti e ai meccanismi fisiopatologici si riconoscono, infatti ,varie forme di ipotensione quali ad esempio:
-ipotensione idiopatica
-ipotensione ortostatica
-ipotensione post-operatoria
-ipotensione post-infettiva
-ipotensione post-partum
-ipotensione su base climatica
-ipotensione secondarie all’uso di psicofarmaci
-sindrome astenico-ipotensiva

Fattori favorenti sono rappresentati da: età, farmaci (diuretici, antipertensivi), patologie endocrine (ipotiroidismo, morbo Addison) e neurologiche (Parkinson), disidratazione, periodi di riposo a letto molto prolungati.
In relazione all’entità della riduzione dei valori di pressione arteriosa, alla rapidità con cui si verifica e alla sua persistenza nel tempo possono insorgere sintomi come capogiri, vertigini, mancanza di forze, visione offuscata, nausea sino ad arrivare alla transitoria perdita di coscienza dovuta ad una riduzione della perfusione cerebrale.
In linea di massima, le forme di ipotensione che non determinano sintomi o quelle caratterizzate dalla comparsa di transitori sintomi di lieve entità non richiedono un trattamento.
In ogni caso, prima di intraprendere un trattamento farmacologico, è assolutamente importante identificare quale sia la causa sottostante e correggere eventuali condizioni predisponenti.
Utili misure preventive sono rappresentate dalla assunzione di congrue quantità di acqua, la riduzione del consumo di alcool, la riduzione del dosaggio di farmaci quali diuretici e antipertensivi.

I nostri prodotti

Lusofarmaco può vantare un ampio know how in varie aree terapeutiche: dalle patologie cardiovascolari alle malattie respiratorie, dall’antibioticoterapia alla neuropsichiatria e per finire l'area ginecologica.

Ricerca e sviluppo

Per molti anni, la connotazione di Lusofarmaco è stata quella di una azienda di rilievo essenzialmente nazionale, con un listino incentrato su farmaci di consolidata esperienza.

Farmacovigilanza

È la scienza relativa all’individuazione, la valutazione, la comprensione e la prevenzione degli effetti avversi o di ogni altro problema legato ai farmaci.

Sede Legale:
Milanofiori – Strada 6, Edificio L – 20089 Rozzano (MI)
Tel. 02-516555.1 - Fax 02-516555.249

Numero di iscrizione registro imprese: 00714810157
Ufficio del registro delle imprese: Milano
Capitale: € 130.000 I.V.
Capitale risultante dall'ultimo bilancio: € 130.000
Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento di A. Menarini Industrie Farmaceutiche Riunite Srl

MAPPA DEL SITO

Copyright 2019 Istituto Lusofarmaco D'Italia S.p.A.